Trombe, tromboni, trombandi

Vergato da addì 3 agosto 2010

Macché finiani e pidiellini, il vero sangue scorre tra le rotative (virtuali) di Repubblica e il Corrierone.

Ultimi ad incrociare le penne, il fondatore Eugenione Scalfari e il prode Ostellino, opinionista vetero-liberista [con a fianco la traduzione a cura del casatiello].

Squillo di tromba scalfariano (La Repubblica del 1° agosto 2010)

Originale
Traduzione
“L’incompatibilità del premier con lo Stato di diritto era del resto nota da tempo e da tempo denunciata. Cari amici del Corriere, da tempo vi diciamo che Berlusconi è un pericoloso sàtrapo da basso Medioevo…
La rottura con l’ala finiana del Pdl ne ha dato una conferma talmente plateale che non è più possibile ignorarla senza diventarne complici … ma voi avete fatto orecchie da mercante, fino a diventarne complici.
Quell’incompatibilità costituisce una pregiudiziale che va al di là delle distinzioni tra destra, sinistra e centro. Dite la verità: B. ha rotto gli zebedei a destra, a sinistra e anche a voi centroterzisti.
Fino a quando non sarà eliminata il rischio d’un regime autoritario incombente resta di altissimo livello e richiede decisioni dettate ormai dall’emergenza E tirate fuori le palle dal cassetto della scrivania, una buona volta!!!
Non si tratta di non mettersi l’elmetto, come per tanto tempo e tuttora esortano quelli che si bendano gli occhi per non vedere e si turano le orecchie per non sentire Finora avete fatto i pesci in barile…
Si può combattere anche a testa nuda purché si sia consapevoli che il peggio è già avvenuto e non può essere arginato cedendo ulteriormente terreno.” … ma adesso che siamo allo scontro finale, persino un’accolita di tremebondi pusillanimi come voi può venir buona… Purché sia chiaro che siamo arrivati prima noi, gne’, gne’, gne’…!!!

A destra risponde la campana ostelliniana (Corriere della Sera, 2 agosto 2010)

Originale Traduzione
“Da parte del giornalismo liberal Quei sorci rossi di Repubblica,
— che ama dettare la linea all’opposizione non contenti di essersi messi in tasca buona parte deiNOSTRI lettori di sinistra,
— si suggeriscono a Fini, come presidente della Camera, persino ritmi e modalità per rendere difficile la vita al governo. adesso vogliono fregarci pure i moderati-destrorsi, il nostro pane, vigliacchi!!!
Si tratta di far fuori il «caimano» e ogni mezzo è lecito. Hanno visto troppi film di Moretti, questa è la verità!
La separazione dei poteri, le garanzie costituzionali, insomma, il liberalismo, sono temporaneamente sospesi La separazione dei poteri, le garanzie costituzionali, insomma, il liberalismo, sono temporaneamente sospesi da anni, ma a noi ha fatto comodo, finora, fare finta di niente…
da coloro i quali — dopo essersi autoproclamati i soli, autentici e rigorosi custodi della Costituzione e della coscienza civile del Paese … e ci è andata bene, finché quei vermi si sono inventati ‘sti post-it del piffero…
— conferiscono all’istituzione che regola i lavori del Parlamento un mandato «politico» che non le compete: far cadere il governo … e adesso si prenderanno anche il merito della prossima caduta del governo!!!
Non è solo una contraddizione rispetto a quanto sostenuto finora, ma anche e soprattutto, una manifestazione di irresponsabilità.” Non avete idea di quanto ci faccia rosicare tutto ciò, dopo anni di puntate sicure su cavalli vincenti!!!

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

2 Commenti, Invero, a “Trombe, tromboni, trombandi”

  1. il gufo ha detto:

    embè, pare che per quei miseri sorci rossi tocca sperare in Fini…
    com’era la storia dell’egemonia culturale???
    SALUMI e baci

  2. ppork ha detto:

    L’egemonia, con la comparsa dell’Homo Gasparhus, è diventata gutturale.
    sinceri FORMAGGI

Commenta, Orsu