Quando “la meglio” è in vacanza…

Vergato da addì 29 agosto 2007

Metti che una sera la UELL sia a livelli da Rio Delle Amazzoni.
Metti che un dannato ti abbia stracciato retrovisore e freccia sinistra dall’auto.
Metti che il caldo e l’afa e le zanzare e il lavoro che ricomincia ma non c’è davvero…
Metti che di leggere non hai voglia, ascoltar musica meno che mai, un dvd manco a pensarci che mi addormento alla seconda scena…

Metti che cedi al vecchio, odiato ma fedele, zapping.
Metti che su un canale locale, che si prende e non si prende, analogico-quasi-giurassico, trovi la Marilyn di "Quando la moglie è in vacanza".

Metti che alla fine, satollo come dopo aver mangiato un intero quarto di fagiolo1, ti venga un po’ di magone, pensando alla fine che fece Marilyn, ed a quella che ha fatto la commedia sofisticata americana.

E allora parti per un nostàlgia-trip su YouTube partendo da questo questo nostàlgia-link su "The Seven Year Itch".


1cfr. Qui Quo Qua in "Paperin Babà"

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

5 Commenti, Invero, a “Quando “la meglio” è in vacanza…”

  1. bellallegria ha detto:

    questa non è nostàlgia.

    Si tratta solo di un discreto segnale della vecchiaia.

  2. ppork ha detto:

    @bellamìa

    dissento, cara…

    la vecchiaia è il giacchetto anche in pieno agosto “perché c’è umido, la sera”, oppure ricordarsi della compagna delle elementari a cui si diede un bacio improvviso all’annuncio che non si sarebbe interrogato (e non ricordare cosa si è detto 10 minuti prima), o anche la comparsa dei primi fili bianchi sulla capoccia (accompagnata ad una incipiente calvizie).

    però Marilyn no…

  3. guforobot ha detto:

    la sera, d’estate, uno potrebbe fare altro, per esempio riempire di monnezza i blog scritti da sacchette di monnezza…

  4. plmplm ha detto:

    Dovrei mettere un link, ma non mi ricordo come si fa (vecchiaia o ‘nzallanimento?) e quindi se vi interessa ve lo copiate e zac:

    http://plmplm.splinder.com/post/11954468

    .

    .

    .

    “Ma Marilyn si è uccisa per davveroper ricordare a tutti,

    non solo in bianco e nero,

    che vendersi non è poi naturale,

    che i miti finiranno tutti male,

    che la bellezza, un riso,

    un viso, un seno

    non servono nemmeno.”

    accadde il 05.08.1962

  5. cune81 ha detto:

    …ecco, se fai zapping annoiato d’estate e becchi Billy Wilder… è uno di quei momenti da “ma cosa vuoi di più dalla vita?”…! Ma quanto più bello era il titolo originale, tra parentesi?!

Commenta, Orsu