Ieri

Vergato da addì 13 febbraio 2011

Ho visto le menti migliori della mia – ed altrui – generazione partenopea distratte, inebriate, folli, elevare canti osceni e salmodiare ondeggiando, scevre, spogliate, deprivate della benché minima briciola di residuo pudore, sull’orlo dell’apoplessìa; stimati professionisti e pelosi artisti, mogli di politici e accigliati professori, padri di famiglia e figli della medesima… atturbinati tutti nel medesimo, irrazionale, sabbatistico, irrefrenabile gorgo cieco e satollo d’ebbrezza.
Aveva segnato Cavani.

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

Un Solo Commento a “Ieri”

  1. Stefy ha detto:

    Ahahahah!!!!!

Commenta, Orsu