Napoli l’anno scorso, il mondo tra breve

Vergato da addì 1 novembre 2009

L’aspetto delle strade peggiorava di ora in ora. La spazzatura sembrava moltiplicarsi durante le ore notturne, era come se dall’estero, da un paese sconosciuto dove regnasse ancora una vita normale, venissero di nascosto a svuotare i contenitori, se non fosse che ci troviamo in un paese di ciechi vedremmo avanzare in questa bianca oscurità i carri e i camion fantasma carichi di detriti, avanzi, macerie, scorie chimiche, ceneri, oli bruciati, ossa, bottiglie, interiora, pile scariche, montagne di carta, soltanto i resti del mangiare non ci portano, neanche un po’ di bucce con cui poter ingannare via via la fame, aspettando quei giorni migliori che dovranno pur venire.

(José SaramagoCecità)

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

Commenta, Orsu