Elogio della Pigrizia /2

Vergato da addì 14 agosto 2006

Ritorno sulla Pigrizia, già rivalutata nel primo elogio.
E questa volta affronto il lato personale, e non lavorativo…

Insomma, diciamocelo, anche come compagni di vita, i pigri non godono di buona fama, e ciò è del tutto ingiustificato.

Va be’, preferiranno forse una serata in più fra le mura di casa rispetto a una arrampicata sul Machu Picchu, ma volete mettere il vantaggio di avere accanto un uomo troppo pigro per andare a cercarsi "avventure" (e magari una nuova compagna)?

Ok, ok, è chiaro che sto parlando a chi progetta una vita insieme, e non alle cercatrici di una botta e via, ma del resto nessun pigro potrebbe mai mostrarsi interessato a una donna simile (niente moralismi: semplicemente, troppa fatica starle dietro).

Per concludere: pigrizia=fedeltà nei secoli. Pensateci, donne.

[ma allora, i caramba sono pigri…? mmmh… ]

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

Un Solo Commento a “Elogio della Pigrizia /2”

  1. EL ha detto:

    Karo TigroPigro, ti saluto nel casatiello, pensando ogni tanto di tornare là.

    Tra una cosa ed un’altra…di troppo.

    Bacio.

    :*

Commenta, Orsu