Carme’ di Primavera…

Vergato da addì 21 marzo 2005

Carme’
[cantata da N. Maldacea jr. in
"Un Turco Napoletano" con Totò]
 –> vai alla pagina originale con link al file audio

Pure st’anno ‘a primmavera,
m’è trasuta dint’o core
cu na smania ‘e fa l’ammore
cu nu fuoco ‘e giuventù:
quanno veco a ‘na figliola,
me va o sang’ dint’a ll’uocchie,
po’ me tremmano ‘e denocchie
e nu’ ngarro niente cchiù…!


CARME’, CARME’,
Tu sola nun m’abbaste,
me ce ne vonno tre,
CARME’, CARME’,
i’ songo ‘e bbona pasta:
v’accuntento a’ tutt’ e ttre.
CARME’, CARME’,
Io nunn’o faccia apposta,
e tu cheste ll’he ‘a sape’,
CARME’, CARME’,
io tengo a capa tosta,
tosta, tosta
comme e ché.

"Per ogni uomo, tre mugliere",
steve scritto int’o giurnale,
mo ‘na legge speciale
faciarranno ‘e ssaie pecché,
pecché l’uommene so’ poche,
mentre a donna è in abbondanza:
me ne voglio fa’ ‘na panza,
n’ati ddoie a fore ‘e te…!
CARME’, CARME’,
Tu sola nun m’abbaste,
me ce ne vonno tre,
CARME’, CARME’,
i’ songo ‘e bbona pasta:
v’accuntento a’ tutt’ e ttre.
CARME’, CARME’,
io nunn’o faccia apposta,
e tu cheste ll’he ‘a sape’,
CARME’, CARME’,
io tengo a capa tosta,
tosta, tosta
comme e ché.

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

Un Solo Commento a “Carme’ di Primavera…”

  1. EL ha detto:

    Embè…

    Mi verrebbe da ipotizzare la necessità di un nuovo corso di formazione sulla gestione delle tempeste ormonali primaverili.

    Ma mi astengo.

    Mi basta e mi avanza far fronte a quelle del Lampione che mi siede di fronte, di pomeriggio, per la solita lezione privata.

    “Ohi Mari’…Ohi Mari’…

    Quant’ suonn’ aggia perz’pp’tteeee…”.

    :)))

Commenta, Orsu