Juno

Vergato da addì 14 aprile 2008

di Jason Reitman

Erano passati non più di 40 minuti dalle luci accese in sala.
Davanti a me una Margherita finalmente napoletana, la terza birretta dal pomeriggio e una piacevole compagnia eteroctona.
Mentre addento con mugolii degni di miglior morbidezza un pezzo di cornicione, vengo informato proditoriamente che Juno era stato lodato da Giuliano Ferrara e caldamente consigliato dal suo condimento, Anselma Dall’Olio.
La macina mi rimane a mezz’asta, per una frazione di secondo; poi riprendo coscienziosamente il mio ciclo di demolizione, deglutizione, digestione. Non senza aver biascicato fra me e una foglia di basilico un fiero omaggio al mio guru del mese, il Grande Capo Estiqaatsi.

A prescindere, dunque, Juno è un bel filmino. Sembra fatto apposta per intrigarmi, è vero, ed anche farmi personalmente incazzare, deprimere, esaltare, insomma tutto l’arco fotovoltaico delle scosse elettriche passanti fra i due neuroni che mi giocano a Pong nella capoccia.

Personaggi caratterizzati, dialoghi azzeccati, schiocchi di frusta e cavalli lanciati al galoppo fra le praterie delle teen-ager: non ci si annoia nemmeno all’abbeverata (qualche pausa ci sta, che diamine, non è mica uno "sparatutto", e nemmeno Clerks, a dirla tutta).

La storia, sì, capisco che possa titillare l’antiabortismo dei coniugi Laurel&Hardy, e non solo loro… ma la cosa non tange il sottoscritto, che non è abortista, bensì "pro-choice"… e se la scelta ha da essere libera, che lo sia sempre; vi sia quindi la possibilità di un finale diverso, favolettato magari, però in fondo a una storia ben costruita, recitata e diretta.

Voto: 6,5
[Visto il 09-04-2008 al Fiamma di v. Bissolati (Roma) ore 20.45]

Qualcosa sull'Autore

"Quello che sono è affar mio"

Commenti

8 Commenti, Invero, a “Juno”

  1. Aicha77 ha detto:

    Mi fa strano che a dare un nome di chiara matrice partenopea sia un romano… almeno si sfata un po’ di luoghi comuni… Simpatico assaje!

  2. plmplm ha detto:

    ma iss’ è… napulitan’ EMIGRANTE rint’ ‘a Capitale!…

  3. annallocca ha detto:

    Mi piace l’accostamento pizza/estimatori/”bel filmino”: qui l’ironia napoletana, mai demolitrice ma sempre propositiva, ci sta tutta!

  4. paleomiki ha detto:

    a me Juno non ha entusiasmato, l’ho trovato un po’ superficiale nella prima parte, la seconda mi è piaciuta di più ma mi ha un po’ disturato questa dicotomia…

    Grazie per il PVT, posso farne un post aggiungendo i miei?

    Buona serata!!

  5. ppork ha detto:

    grazie Aicha77 🙂

    come disse plmplm: sono fresco emigrante, non romano 😉

    anna, però mica tutti i partenopei sono ironici e brillanti come me… :o) se conoscessi quel turzo impanato di plmplm… 😀

    miki, il mio pvt è un cadeau: decidi pure con la massima libertà cosa farne 🙂 – è proprio per questo che non ti diedi le dritte direttamente in commento 😉

    su Juno siamo, alla fine, meno lontani di quanto pensi: a volte è questione di aspettative, o di serate, o di compagnie, atmosfere…

  6. paleomiki ha detto:

    Grazie!!! 😉

  7. utente anonimo ha detto:

    Condivido quanto detto da Miki al 100%

    Ciao

    Condor57

  8. ppork ha detto:

    ci’ ‘o sapevo, Condor 🙂

    [come vado col latino moderno? posso passare alla iùnit tùu? 😛 ]

Commenta, Orsu